L’amata. Capitolo 5.

Momento di grazia. Unico, imperdibile, nessuno dica nulla, nessuno intervenga. C’è la luce giusta, la magia giusta, lo spirito giusto. Momenti così vanno solo vissuti intensamente e portati dentro al cuore per sempre. La vedo, la mia amata indossa un vestito di lana blu e delle buffe calze pesanti verdi. Pare un’elfa venuta a controllare…

Read more

L’amata. Capitolo 4.

Ho una percezione orizzontale ma profonda di ciò che mi accade. Vedo chi mi passa sopra, sento il calore dei passi a piedi nudi e il fastidio delle suole di cuoio. Sento e vedo i corpi che si sdraiano su di me, leggo (ho imparato col tempo ovviamente) ciò che sta nei giornali e nei…

Read more

L’amata. Capitolo 3.

Klaus stamattina non la smette di lamentarsi. Il divano di pelle meno simpatico della storia ultimamente utilizza un tono aggressivo con tutti. Siamo preoccupati per lui perché nessuno ritiene che sia particolarmente simpatico ma neppure così inavvicinabile. Miss Want sostiene che sia l’età e ricorda che quando abitava a Londra anche un altro divano aveva…

Read more

La verità

La verità è che servono eroi, che non abbiamo e non siamo. Dovremmo partire, andare a Catania, rischiare, osare, prenderle ma non darle. Agire, sporcarci le mani, far scendere quelle 150 anime dalla barca del purgatorio e prendercene cura, perché avere la speranza di futuro migliore è un’opzione che chiunque dovrebbe avere. La verità è…

Read more

Lettere moderne

Lettere moderne. Due scrittori si scrivono dai quotidiani. Veronesi e Saviano. E chi lo sa chi ha ragione tra Veronesi che propone di salire sui barconi per dare un segno, col corpo, della follia che sta avvenendo e Saviano che il corpo “puntaspilli dell’attuale propaganda” ce l’ha messo da anni e che risponde con una…

Read more

Terremoto a Osaka

#osakaearthquake Il terremoto a Osaka. C’è qualcosa di altamente protettivo nell’essere in un paese che a malapena parla inglese durante un evento del genere. Guardi le immagini in televisione, comprendi il disastro, continui a tremare ma è un vivere istintivo. Il linguaggio fa molto e in questo caso, l’assenza aiuta. CondividiFacebookTwitterLinkedin

Read more

L’amata. Capitolo 2.

Questa notte non riesco a dormire. E’ arrivata una primavera che ha voglia di riscaldare tutto, che ha fretta di diventare estate. La mia amata sta nella sua stanza, ha caldo, la sento muoversi nel letto. Qualche ora fa per prendere un po’ fresco si è sdraiata su di me e ho sentito che si…

Read more

L’amata. Capitolo 1.

Eccola che arriva, a piedi scalzi, correndo, i suoi piedi li conosco a memoria, rosa, morbidi e piccoli, in costante crescita. E’ una piccola umana, la mia amata.Io c’ero la prima volta che ha provato a mettersi in piedi tenendosi a Klaus. Avevo scommesso con il divano Klaus che il 23 dicembre alle 19.34, la…

Read more

Stanza anonima

Chiunque dovrebbe avere una stanza privata, arredata come crede ma obbligatoriamente insonorizzata. Potrebbe entrarci ogni volta che occorre e farci quello che preferisce mentre il tempo scorre. Il dettaglio dell’insonorizzazione avrebbe una precisa funzione: piuttosto che riversare nel mondo il proprio stato di frustrazione la stanza verrebbe CondividiFacebookTwitterLinkedin

Read more

Il Buondì dei creativi

https://youtu.be/8lD2OANXqco questa è l’ultima campagna di Buondì. Da copy al primo sguardo sono rimasta perplessa. Ho sollevato un sopracciglio e sono andata avanti a fare le mie cose. Cinque minuti dopo ho iniziato a ridere e ogni volta che ripenso a quella campagna sorrido. Poi ho letto un milione di polemiche e i relativi schieramenti,…

Read more

Storie e panorami

Al ritorno dalle vacanze, uscita dall’autostrada sento sempre un suono. La nota stonata dell’abitare a Milano. Ogni anno è sempre più acuta. Il concerto del campanilismo degli altri, suona invece intonato, perfetto, rassicurante, tanto da spingermi a guardare fuori dalla finestrino e a fare considerazioni. CondividiFacebookTwitterLinkedin

Read more